nonsolorussia.org

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Prev Next

C'era una volta un cane...e un lupo – un cartone di altri tempi

C'era una volta un cane...e un lupo – un cartone di altri tempi

Immaginate... di camminare per Angarsk, una città russa della Siberia Sudorientale, a 100 km dal lago più profondo del mondo – Baikal.E immaginate... di imbattersi in una bizzarra scultura che raffigura un lupo, tutt'altro che un lupo indipendente e orgoglioso che siamo abituati a vedere nelle rappresentazioni artistiche degli indios, ma un lupo con la pancia grossa, faccia contenta e soddisfatta....

22 Set 2012

Leggi tutto

Io sono un occhio meccanico - il cinema di Dziga Vertov

Io sono un occhio meccanico - il cinema di Dziga Vertov

"Io sono il cineocchio. Io sono un occhio meccanico. Io sono una macchina che vi mostrerà il mondo come solo una macchina può fare. D'ora in poi vi libererò dall'umana immobilità. Io sono in perpetuo movimento. Io posso avvicinarmi alle cose e ritrarmi da esse, scivolare sotto di loro, entrarvi dentro. Io posso muovermi sul muso di un cavallo in corsa, fendere le folle e a gran velocità, guidare i...

27 Ott 2011

Leggi tutto

Progetto ecologista italo-russo EARLYBIRD a Venezia

Progetto ecologista italo-russo EARLYBIRD a Venezia

EARLYBIRD PROJECT - Anteprima E' partito il 5 giu...

Eventi

Quest'anno è l'anniversario del più famoso gioco studentesco della Russia e degli ex-paesi sovietici. Il suo nome è KVN (pron. rus. ka ve en) che sarebbe l'acronimo di Klub Veselykh i Nakhodchevykh, ovvero, Circolo degli Arguti Ingegnosi. E' un gioco televisivo a squadre dove ci si sfida in gare di umorismo e cabaret, chi fa una satira più sottile e chi rispecchia la vita di tutti i giorni in modo più intelligente e tagliente.

Qual è la prima opera russa? Per tradizione si riconosce a Una vita per lo zar di Glinka il ruolo di pietra miliare nella formazione della musica nazionale russa. Il soggetto dell’opera, la storia del contadino russo morto per salvare il proprio zar, è anticipato dall’opera di un musicista veneziano trapiantato a Pietroburgo, come racconto nel mio libro “Ivan Susanin” di Catterino Cavos, Un’opera russa prima dell’Opera russa (EDT 2011), presentato a Pordenone, il 30 Novembre 2011.

Nell'utopica visione comunista l'arte doveva essere incanalata secondo schemi e dettami ben precisi per essere comprensibile a tutti e celebrare il potere ed essere, quindi, "realista" e "Socialista". Un mostra al Palazzo delle Esposizioni di Roma ripercorre quasi 50 anni di questo movimento artistico con le opere dei suoi esponenti di punta.Cos'è il Realismo socialista? Una mostra al Palazzo delle Esposizioni di Roma ripercorre le tappe del movimento artistico.

"Io sono il cineocchio. Io sono un occhio meccanico. Io sono una macchina che vi mostrerà il mondo come solo una macchina può fare. D'ora in poi vi libererò dall'umana immobilità. Io sono in perpetuo movimento. Io posso avvicinarmi alle cose e ritrarmi da esse, scivolare sotto di loro, entrarvi dentro. Io posso muovermi sul muso di un cavallo in corsa, fendere le folle e a gran velocità, guidare i soldati in battaglia, decollare come un areoplano ....il cineocchio.. include tutti i metodi, senza alcuna eccezione, che permettono di raggiungere e registrare LA REALTA': una realtà in movimento..."

Sabato, 22 Ottobre 2011 15:47

La grande fotografia russa in mostra a Roma

Scritto da

Se amate la fotografia questi giorni Roma dovrà essere la vostra meta prediletta: ben due fotografi russi sono in mostra nella Città Eterna! Annunciata già all’inizio dell’anno degli scambi interculturali tra Italia e Russia, è finalmente giunta al Palazzo delle Esposizioni la mostra dedicata al grande maestro costruttivista Aleksandr Rodchenko, la quale, attraverso oltre 300 opere tra foto, stampe e fotomontaggi, ripercorre la storia artistica del poliedrico artistica.

Mercoledì, 19 Ottobre 2011 21:14

Nikolaj Gogol' - l'artista e il successo

Scritto da

Il giovane Chartkov era un pittore dotato di talento e che prometteva molto: per accessi e a momenti, la sua pittura mostrava spirito d'osservazione, discernimento, e un vivo slancio verso la natura. - Stà attento, fratello, - gli diceva spesso il suo maestro, - tu hai certo del talento: sarebbe un peccato che lo buttassi via;

Venerdì, 14 Ottobre 2011 00:00

Automobili sulle vie russe negli anni 30

Scritto da
Con l’arrivo dell’arte futurista sulla scena europea non è più possibile dimenticare che l’automobile non è solo un oggetto meccanico ma pure un fenomeno estetico e culturale.Alle sue spalle, nel tempo, il mondo settecentesco, arcadico nelle sue aggraziate statue neoclassiche che segnano la via nei giardini fioriti, le belle ville, i palazzi in stile palladiano, resta solo un lontano ricordo. I giardini e i parchi delle ville stanno ancor oggi allo stesso posto protetti da un magistrato alle belle arti, ma quel mondo, che in essi si rappresentava, era già tramontato, dopo nemmeno un secolo, al fracasso assordante dell’officina ottocentesca, dalle pulegge mosse dalla macchina a vapore.
 Vi siete mai domandati come fa un fotografo a riprendere i senzatetto? Farli mettere in posa, farli sentire a proprio agio di fronte all'obbiettivo? La prima cosa che viene in mente è "ah! li ha pagati!".  Molto probabile,  ciò nonostante non penso sia cosi facile. I senzatetto, altrimenti chiamati  "bomzh" in russo, sono spesso persone orgogliose che non si fanno avvicinare molto facilmente.
L'ukraino Boris Mikhailov (1937)  ha passato una vita a documentare la vita di quanti sono rimasti senza casa, costretti a un'esistenza da barboni, a causa del colasso dell'Unione Sovietica.
Martedì, 04 Ottobre 2011 16:54

Conferenza: Boris Mikhailov dall'URSS alla Russia

Scritto da

Il 19 ottobre 2011 ore 17.00 a Palazzo Grassi si terrà una conferenza dal titolo "La fotografia è un dovere civile: Boris Mikhailov dall'URSS alla Russia" presentato da Silvia Burini, docente di Storia dell'arte moderna dell'Europa Orientale. Università Ca' Foscari di Venezia.

Slava's Snowshow è in tour per l'Italia. In uno spettacolo fatto di risate e di lacrime, dove non mancano neanche gli effetti speciali. Sicuramente un tuffo nel mondo delle favole sia per bambini che per adulti. E' lo show del clown russo più famoso nel mondo, Slava Polunin.


L'ospite a Roma Fiction Festival 2011 lo scrittore russo, Nicolai Lilin, proveniente dalla Trasnistria, la regione dell'ex Unione Sovietica che si trova nel territorio della Repubblica di Moldova, autore di due volumi scritti in lingua italiana ben presto diventati casi letterari nel nostro Paese: "Educazione siberiana" e "Caduta libera". La giornalista Monica Maggioni ha intervistato lo scrittore che ha raccontato la sua esperienza durante la guerra e, soprattutto, di come anche lui è stato colpito da PTSD, ovvero la Sindrome da trauma da combattimento, una depressione devastante di cui sono colpiti la quasi tutti i giovani militari di ritorno dalla guerra.

Pagina 4 di 5
Ti trovi qui:Home>Non Solo Russia

Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo. Per maggiori dettagli e informazioni su come disattivare i cookies, leggi la nostre Informativa privacy.

Ho capito, accetto i cookies di questo sito.